Come Realizzare il proprio sito eCommerce senza farsi Fregare

Ho già avuto modo di dirtelo: il tuo sito eCommerce è uno strumento essenziale per il tuo business di vendita online. Anche se stai già vendendo bene nei vari marketplace, tieni a mente che comunque stai pagando commissioni su commissioni a loro per le vendite che stai facendo e a volte devi sottostare alla (rigide) regole di questi colossi, vedi Amazon oppure eBay.

Con il tuo sito eCommerce le regole le fai tu. Solo che qui ci sono delle cose che devi tenere presente fin da subito prima di partire. Al giorno d’oggi ci sono migliaia di agenzie web in Italia e all’estero che possono sviluppare il tuo sito eCommerce ed essendo anch’io tra questi, ci sono dei consigli molto preziosi che posso darti che ti faranno risparmiare un sacco di denaro e, soprattutto parecchi mal di testa.

Il sito eCommerce deve essere tuo di proprietà, o al massimo posso concederti di usare Shopify come Sistema di Gestione dei Contenuti, se vuoi fare le cose più velocemente. Che così un sistema di gestione dei contenuti (CMS)? Semplificandotela al minimo possibile, in pratica si tratta di un programma software che ti permette di creare e gestire il tuo sito web. E può essere sviluppato da un team impressionante di persone in tutto il mondo ed è continuamente migliorato e aggiornato per risolvere bug e aggiungere nuove funzionalità.

Quando a volte ti rivolgi ad agenzie per lo sviluppo del tuo sito eCommerce (oppure anche blog o sito aziendale), devi fare molta attenzione a capire come verrà creato questo sito. Alcune agenzie utilizzano i classici CMS, come WordPress, Prestashop, Shopify… Altre utilizzano dei loro CMS di proprietà, quindi sviluppati da loro. Io sono dell’idea che la “ruota” è già stata inventata, è bella tonda, gira bene, per cui non ha senso reinventarla. Perché costruire un CMS da zero quando hai degli strumenti potentissimi già a tua disposizione che risolvono le esigenze di più del 90% delle situazioni? Se parliamo poi di prezzi, un CMS costruito da un’agenzia, si parla di potenzialmente costi altissimi, anche 15-20-30 mila euro. Utilizzando un sistema come per esempio Prestashop, si riduce drasticamente questo investimento.

Inoltre, ci sono altre cose da considerare, molto importanti. Se un’agenzia sviluppa un suo sistema di gestione dei contenuti, avrà mediamente 5-15 programmatori al lavoro (se si tratta di un’azienda media), contro un team di migliaia di sviluppatori che collaborano insieme nella creazione di un WordPress/Prestashop. A mio avviso è inevitabile proprio per una questione di grandi numeri, che un team più piccolo non possa raggiungere certi standard qualitativi, e che non riesca a implementare tutte le cose a cui ci possono pensare una squadra di migliaia di persone.

Ricordiamoci inoltre del fattore sicurezza. È vero che un sistema come per esempio WordPress è sempre nel mirino degli hacker, ed è anche vero che, una statistica di Giugno 2019 dice che il 60,8% dei siti nel mondo che utilizzano dei CMS, utilizzano WordPress, tra cui il 27,5% sono tra i 10 milioni di siti più utilizzati al mondo. Di conseguenza viene aggiornato spesso e corrette di continuo falle di sicurezza, che poi, una volta scoperte, vengono utilizzate dagli hacker per bucare il sito e creare danni. Allo stesso tempo, con un CMS realizzato da un team di 15 persone, sarebbe molto, ma molto difficile avere sempre sotto controllo la questione sicurezza e in generale non verrebbe attaccato da sistemi automatici, perchè la struttura è personalizzata.

Integrazioni con servizi esterni? Beh, altro possibile ostacolo, i CMS più comuni utilizzano delle estensioni di sistema (plugin) che fanno già le cose più comuni e richieste dagli utenti. Esempio le estensioni per condividere gli articoli/prodotti nei social network principali, le integrazioni con i corrieri espresso più famosi, google maps, integrazioni con sistemi di gestione avanzata del magazzino e molto altro. Tutto questo per rendere più semplice l’integrazione, e soprattutto per risparmiare un sacco di soldi. Considera che per sviluppare una funzionalità a parte, si può andare a spendere anche 2-5.000 euro in base alla complessità.

Ultimo aspetto che mi viene da dire è che, le soluzioni personalizzate, possono essere poco convenienti per esempio nel caso in cui, mi trovo male con l’agenzia che mi ha sviluppato il sito e voglio cambiare…. Qui sono cavoli amari, un WordPress/Prestashop lo conoscono praticamente tutti, la documentazione di sviluppo è pubblica, e se non si conosce, si trova sicuramente qualcuno che può aiutarti. Un sistema CMS creato a DOC, lo conosce l’agenzia che l’ha creato. E imparare una struttura di miliardi di righe di codice richiede parecchio tempo, e risulta quindi difficile andare a metterci le mani in seguito. Solo questo aspetto dovrebbe farti escludere questa opzione fin da subito. 🙂

Visto che so che alcuni di voi stanno pensando, o sono già in fase di creazione del proprio sito eCommerce, ho pensato di dare qualche delucidazione preziosa, per capire come conviene procedere, in modo da evitare di prendere delle batoste belle e buone. In giro c’è di tutto e bisogna stare davvero attenti a chi ci si rivolge.

A presto!

Scelto per te:  4 Mercati di Nicchia da Aggredire Subito!