E’ Finita. L’eCommerce è Ormai Morto

“E’ finita, l’eCommerce è ormai morto”… No way! Una frase che avevo sentito nel 2012, forse da persone un po’ troppo coinvolte dalle varie profezie apocalittiche dei Maya, che avevano perso la concezione della realtà… Forse si erano resi conto che non funzionavano più i negozi online generalisti che vendevano migliaia di prodotti, e hanno pensato alla fine del mondo. Io non ci ho creduto per neanche per un secondo.

Vero che il settore del commercio è in crisi, vero che la maggior parte dei negozi nei centri storici delle città stanno chiudendo. Non a Milano, Roma e Firenze, ovviamente 😉  Vero anche che stanno chiudendo per una forte diffusione dei nuovi centri commerciali che stanno invadendo le nostre città. Mi chiedo quindi dove sia realmente questa crisi? Semplicemente è cambiata la tipologia di mercato, di richiesta, e di esigenze dei consumatori. Il mondo si è trasformato. Tutto qua. Solo che non tutti l’hanno accettato, o se ne sono resi conto.

E' finita, l’eCommerce è ormai morto Condividi il Tweet

Sempre più giovani si stanno spostando nell’acquisto online. Normale. Perché andare ad acquistare in un negozio, quando puoi comprare lo stesso prodotto online e, molte volte, costa anche di meno? Magari in negozio si va per provare la taglia… Già adesso, a 5 anni di distanza dalla data della profezia Maya, il commercio elettronico si sta diffondendo sempre di più. A livello mondiale, circa il 7,5% della popolazione acquista su internet regolarmente, circa 1.671 (mille seicento settanta uno, e non uno virgola sei) miliardi di dollari di giro d’affari l’anno. E si stima che tra un paio d’anni questa cifra raddoppierà. Secondo me, farà anche di meglio.

Scelto per te:  3 Soluzioni ai Problemi con i Pagamenti in Contrassegno

E l’Europa come sta messa? A circa 477 miliardi di dollari. E in particolare l’Italia si trova a quota 29 miliardi di introiti… Una crescita rispetto all’anno passato del 19%. Trovami un’altro settore che ha una tale crescita nel 2017? E considera che noi in Italia siamo negli ultimi posti della classifica europea come sviluppo dell’eCommerce. Questa informazione può essere interpretata in due modi:

  1. All’italiana. Guarda che sfigati che siamo, il fanalino di coda dell’eCommerce in Europa. Come sempre siamo ultimi, si vede, non ce la faremo mai. C’è la crisi, non si ripartirà mai. Cosa vendi online tanto non compra nessuno perchè non ci sono soldi ecc… Solita minestra. Depressione, tutto va male, continuo con il lavoro che faccio, la mia vita fa schifo e via a lamentarsi e rompere le palle a tutti 😀
  2. Oppure la puoi vedere all’americana! E se questa fosse una bella occasione? Un settore che cresce del 19% solo nell’ultimo anno, rappresenta un’enorme opportunità. Vuol dire che sta correndo, e correndo a 200 all’ora! Nel 2016 erano 16 mila le aziende a vendere online in Italia. Le stime dicono che saliranno a 50 mila entro il 2025. Di spazio di crescita e di mercato, ce ne sono per tutti.

Non importa dove ti stai trovando in questo momento, che tu abbia già un’attività commerciale e non stia vendendo online, che tu ne abbia già una, ma non sta lavorando come vorresti, o che tu debba iniziare da zero… Il tempo c’è, il mercato anche, è lì che ti aspetta, i dati di crescita li hai letti poco fa…

Scelto per te:  3 Motivi per cui Devi Usare il Contrassegno

Ok, se non l’hai mai fatto, resta da capire il “come si fa”. Ma per questo ci sono io a svelarti la ricetta magica.

Non ci sono scuse, ricordati che se non lo farai tu, lo farà qualcun altro.

Adesso resta una sola cosa da fare… Passare all’azione! 😀

Alessandro Stocco on FacebookAlessandro Stocco on GoogleAlessandro Stocco on InstagramAlessandro Stocco on LinkedinAlessandro Stocco on TwitterAlessandro Stocco on Youtube
Alessandro Stocco
Imprenditore, laureato in Tecnologie Web e Multimediali e certificato al MICAP (Master Internazionale in Coaching ad Alte Prestazioni) come Real Result Coach. Con più di 12 anni di esperienza nel Web e nell'eCommerce, adesso aiuta gli imprenditori ad avviare con successo le loro attività online e a migliorare i profitti dei loro Business esistenti.