I Marketplace dove Vendere Online nel 2019

Una delle domande più frequenti che mi vengono fatte è “Come posso vendere di più?”. E la risposta che faccio io è “Hai fatto uno studio accurato prima di vendere quello che vendi?”… In genere la risposta è NO. E si generano delle problematiche che possono impedirti di fare il grande passo, tipo errata scelta dei prodotti da vendere, impossibile pubblicizzare il prodotto, prezzo fuori mercato, nessuna cosa che differenzi il tuo prodotto dagli altri simili. Di questo ne parleremo meglio più avanti.

A tal proposito occorre fare un piccolo riepilogo dei luoghi più interessanti dove vendere online nel 2019. Perchè nel 2019? Perchè le cose online cambiano, e cambiano di continuo, quindi occorre attrezzarsi di buona volontà, pazienza e una dote molto importante che se non hai, devi imparare a sviluppare: l’abilità di effettuare le ricerche giuste. Online troviamo di tutto, tantissime informazioni, alcune di queste corrette e molte invece che vanno in contraddizione l’una con l’altra.

Se vendi online nei vari marketplace e non hai un tuo sito eCommerce, forse ti sta mancando qualcosa di molto importante Condividi il Tweet

Dove vendere online nel 2019

Il primo luogo dove vendere online nel 2019 è… il TUO sito eCommerce. Punto. Deve esserci sempre a mio avviso, quella è come casa tua. Nessuno deve potertela bloccare o tagliarti fuori. E a volte non è così scontato. Il tuo sito web, strutturato in modo corretto, con dei contenuti testuali veramente di valore per gli utenti, ti permetterà di scalare rapidamente nei risultati di ricerca. Per fare questo ci devi dedicare TEMPO. Il SEO (search engine optimization), permette di ottenere risultati eccellenti nel medio lungo termine.

E poi arrivano di conseguenza tutti gli altri marketplace.

Amazon su tutti, è forse il luogo migliore dove poter vendere i propri prodotti in questo momento. Tantissimi possibili clienti, fatturati generati da paura, con qualche contro da prestare attenzione: regole rigidissime da parte di Amazon stesso, difficoltà alta per quanto riguarda aprire il proprio profilo sulla loro piattaforma. Non è molto usabile, anzi. molto semplice e intuitivo da parte utente che acquista, ma chi vende invece si ritrova ad avere a che fare con qualcosa di molto macchinoso.

eBay. Non ha bisogno di presentazioni. Leader indiscusso fino a qualche anno fa nel modo dell’eCommerce, ultimamente sta perdendo parecchi colpi. Molti meno utenti che acquistano, e il target si è abbassato notevolmente. Chi compra prodotti su eBay in genere lo fa per una sola cosa: il prezzo basso. Aprire un negozio eBay può sempre essere utile a tutti, magari anche vendendo solo alcuni dei prodotti, magari messi a un prezzone, come ultimi pezzi per esempio.

Subito. Più adatto alla vendita dei prodotti usati, fino a qualche mese fa subito.it aveva un impatto devastante nelle vendite online. Si facevano affari pazzeschi, per i prezzi e per la disponibilità di prodotti incredibili. Ora sta andando verso un declino, piuttosto rapido sembra… E la causa è niente di meno che…

Marketplace di Facebook. Il più recente finora tra i menzionati, nel giro di poco, è nato nel 2017, e ha avuto il boom durante il 2018, è diventato uno dei luoghi di punta per vendere online. Non solo usato, ma anche prodotti nuovi. Tutti sono su Facebook, e il marketplace è davvero a portata di click rispetto a qualsiasi altro sito o app. Vendere è semplicissimo, lo fai in qualche click, molto più veloce di qualsiasi altro portale, ma la cosa più importante è che tutti hanno facebook.

Mentre tra i nuovi trend abbiamo Instagram, che a breve inizierà a permettere di effettuare le vendite direttamente tramite il social network anche in Italia, ma ne parleremo appena sarà il caso, e poi abbiamo una startup italiana al 100%. Fondata in realtà nel 2011, e probabilmente non ne hai sentito parlare perchè poi si è già sviluppata in altri paesi nel mondo e si chiama Depop. Naturalmente è meno popolare in Italia che negli altri paesi come UK o USA, ma sembra stia iniziando a prendere piede anche qui. Solo App, dal sito web fai poco, devi scaricare l’app iOS o Android sul tuo smartphone. Perfetto per i giovani, e anche per i brand. Stanno raccogliendo fondi incredibili, circa 100 milioni di dollari, per spingere l’attività al massimo. Da tenere d’occhio direi.

Senza far diventare troppo lungo questo post sull’eCommerce, magari ne parleremo più in dettaglio in seguito, intanto la vera domanda da porsi è: tutte queste integrazioni con i vari social network, funzioneranno davvero oppure servono soltanto a tenere gli utenti nei rispettivi Insta o Facebook? E se sì, per quanto dureranno?

Tu stai già utilizzando alcuni di questi? Come ti stai trovando?
Condividi pure la tua opinione qui sotto.

Scelto per te:  Amazon Spedizioni e Consegne con i Droni in meno di 15 Minuti